Una grande occasione per le Piccole Medie Imprese che intendono investire in progetti attinenti il campo della proprietà industriale.

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, attraverso i recentissimi Bandi MIMIT 2023, stanzierà in favore delle PMI 32 milioni di euro di contributi a fondo perduto.

Qui di seguito troverete le specifiche relative ad ogni singolo bando;

Il 4 agosto 2023 sono stati pubblicati i nuovi bandi del MIMIT a sostegno delle PMI che investono in progetti
attinenti il campo della proprietà industriale. Nello specifico i bandi riguardano marchi, brevetti e disegni.
BANDO BREVETTI
La dotazione finanziaria complessiva da destinare alle PMI beneficiarie delle agevolazioni previste dal
bando brevetti ammonta ad euro 20.000.000,00 (ventimilioni/00).
L’oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un brevetto in
termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.
La domanda va presentata a partire dal 24 ottobre 2023.
I soggetti beneficiari sono tutte le PMI anche di nuova costituzione, con sede legale ed operativa in Italia
che:
a) siano titolari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 01/01/2022
ovvero titolari di una licenza esclusiva trascritta all’UIBM di un brevetto per invenzione industriale concesso
in Italia successivamente al 01/01/2022. In ambedue i casi i brevetti devono essere in regola con i
pagamenti delle tasse di mantenimento in vita, ove dovute, al momento della presentazione della
domanda.
b) siano titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata
successivamente al 01/01/2021 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”.
c) siano titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto
depositata successivamente al 01/01/2021, con il relativo rapporto di ricerca con esito “non negativo”, che
rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto, purché la domanda nazionale di
priorità non sia stata già ammessa alle agevolazioni Brevetti+ di cui ai precedenti bandi.
Tale bando non si applica alle imprese escluse dagli aiuti de minimis.
Il contributo, che verrà erogato fino a esaurimento fondi, è finalizzato all’acquisto di servizi specialistici
correlati e strettamente connessi alla valorizzazione economica del brevetto e funzionali alla sua
introduzione nel processo produttivo ed organizzativo dell’impresa proponente, al fine di accrescere la
capacità competitiva della stessa. Sono ammissibili i costi dei seguenti servizi:
1. Progettazione, industrializzazione e ingegnerizzazione;
2. Organizzazione e sviluppo;
3. Trasferimento tecnologico.
È prevista la concessione di un’agevolazione a fondo perduto, nel rispetto della regola del de minimis, del
valore massimo di euro 140.000,00. Tale agevolazione non può essere superiore all’ 80% dei costi
ammissibili.

BANDO DISEGNI

La dotazione finanziaria complessiva prevista dal bando disegni da destinare alle PMI beneficiarie delle
agevolazioni ammonta ad euro 10.000.000,00 (diecimilioni/00).

Oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un
disegno/modello, così come definito dall’art. 31 del D.Lgs. 10 febbraio 2005, n.30 e successive modificazioni
e integrazioni (Codice della Proprietà Industriale).
La domanda di partecipazione va presentata a partire dal 7 novembre 2023. Le agevolazioni verranno
erogate fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.
I beneficiari del bando sono le PMI con sede in Italia titolari del disegno o modello oggetto del progetto di
valorizzazione e registrato presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) o l’Ufficio dell’Unione europea
per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) o l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI). In
quest’ultimo caso tra i Paesi designati deve esserci l’Italia.
Il disegno/modello deve essere registrato a decorrere dal 1° gennaio 2021 e comunque in data antecedente
la presentazione della domanda di partecipazione ed essere in corso di validità. Possono essere agevolati
progetti di valorizzazione di un disegno/modello o di uno o più disegni/modelli appartenenti al medesimo
deposito multiplo.
Le agevolazioni sono concesse fino all’80% delle spese ammissibili entro l’importo massimo di euro 60.000
e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di spesa.
Le spese ammissibili riguardano:
a. Realizzazione di prototipi il cui importo di erogazione massima è pari a € 13.000,00
b. Realizzazione di stampi il cui importo di erogazione massima è pari € 35.000,00
c. Consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del
disegno/modello e/o per l’utilizzo di materiali innovativi il cui importo di erogazione massima è pari
a € 10.000,00
d. Consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale il cui importo di
erogazione massima è pari a € 5.000,00
e. Consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del
mercato, progettazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) e per
la valutazione tecnico-economica del disegno/modello (ai fini della cedibilità del disegno/modello
registrato) il cui importo di erogazione massima è pari a € 8.000,00
f. Consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione (azioni legali relative a casi concreti) e/o
per accordi di licenza (effettivamente sottoscritti) il cui importo di erogazione massima è pari a €
2.500,00
Il bando non si applica alle imprese escluse dagli aiuti de minimis e può essere agevolata soltanto una
domanda per impresa.
BANDO MARCHI
La dotazione finanziaria complessiva da destinare alle PMI beneficiarie delle agevolazioni ammonta ad euro
2.000.000,00 (duemilioni/00).

Oggetto dell’agevolazione è sia la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO attraverso
l’acquisto di servizi specialistici, sia la registrazione di marchi internazionali presso OMPI attraverso
l’acquisto di servizi specialistici.

La domanda di partecipazione va essere presentata a partire dal 21 novembre 2023. Le agevolazioni
verranno erogate fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.
I beneficiari del bando sono le PMI in stato di attività regolarmente costituite e iscritte al Registro imprese
con sede legale e operativa in Italia, titolari del marchio oggetto della domanda di partecipazione.
Le misure agevolative riguardano:
Misura A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO
attraverso l’acquisto di servizi specialistici.
Il requisito d’accesso è aver ottenuto la registrazione, presso l’EUIPO, del marchio dell’Unione Europea
oggetto della domanda di agevolazione depositata a partire dal 1° gennaio 2020 e pagamento delle Tasse di
deposito.
Le agevolazioni sono concesse nella misura del 80% delle spese ammissibili sostenute per le tasse di
deposito e per l’acquisizione di servizi specialistici e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna
voce.
Misura B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI attraverso
l’acquisto di servizi specialistici. Le agevolazioni sono concesse nella misura del 90% delle spese ammissibili
sostenute per le tasse di deposito.
Le spese ammissibili che devono essere sostenute in data antecedente la presentazione della domanda di
agevolazione e comunque dopo il 1° gennaio 2020 riguardano:
a. la progettazione del nuovo marchio (elaborazione della rappresentazione del marchio);
b. l’assistenza per il deposito;
c. le ricerche di anteriorità;
d. l’assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi;
e. versamento delle tasse deposito presso UIBM, EUIPO/OMPI.
Gli importi massimi di agevolazione variano a seconda della tipologia di servizio e della misura agevolativa
prescelta.
Il bando si applica con le limitazioni previste dalla disciplina comunitaria nel regolamento UE n. 1407 del 18
dicembre 2013 relativo al de minimis e non è cumulabile con il Voucher EUIPO (Fondo SME 2023).
Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino
al raggiungimento del valore complessivo di Euro 25.000,00.